Regione Lombardia, con Decreto 11785, pubblica ulteriori precisazioni in materia di impianti termici

Regione Lombardia ha approvato con Decreto 11785 del 23/12/2015 le nuove disposizioni operative per l’esercizio, la manutenzione, il controllo e ispezione degli impianti termici in attuazione delle D.G.R. X/3965 del 31.07.2015 e della D.G.R. X/4427 del 30.11.2015.regionelombardia
Il presente decreto sostituisce le precedenti disposizioni approvate con il decreto n. 5027 dell’11.6.2014, apportando delle precisazioni a quanto già indicato nel decreto precedente.
Di seguito sono illustrate le principali disposizioni e le precisazioni apportate dal nuovo decreto. 

Definizione impianto termico.
Rientrano nella definizione di impianto termico, e quindi nella compilazione del libretto di impianto, anche gli impianti destinati alla climatizzazione di ambienti non destinati alla permanenza di persone, ma atti a garantire determinate condizioni ambientali per la produzione di beni e servizi (esempio: serre e locali da server). Non rientrano nella definizione di impianto termico gli impianti ad uso produttivo, anche se solo una piccola parte dell’energia prodotta è utilizzata per la produzione.

Definizione di ristrutturazione di impianto termico.
Oltre agli interventi già contenuti nel cosiddetto “Decreto edifici” (D.M. 26/06/2015), nel Decreto regionale n. 6480 del 30/07/2015 e nella D.G.R n. X/3965 del 31/07/2015, rientrano nella definizione di ristrutturazione di impianto termico anche gli interventi sul sistema di emissione e sull’erogazione di un servizio aggiuntivo a un impianto esistente (esempio: impianto destinato prima alla sola climatizzazione invernale e successivamente viene integrato con la produzione di ACS).

Attività ispettiva.
Se l’impianto, in fase di verifica ispettiva, non raggiunge il rendimento minimo di combustione previsto dalla D.G.R. n X/3965/2015, il Responsabile dell’impianto deve provvedere al rispristino del rendimento nei termini previsti dall’Autorità competente. Nel caso in cui non sia possibile rispristinare il suddetto rendimento, il Responsabile dell’impianto dovrà sostituire il generatore di calore entro 180 giorni dall’ispezione.

Sostituzione generatore di calore < 50 kW.
Si specifica che la sostituzione di una caldaia con un altro di diversa tipologia non è assimilata a un cambio di tipologia di generatore; pertanto se non vi è un cambio di combustibile, se la potenza della nuova caldaia non supera i 50 kW, non è necessario presentare la relazione tecnica al Comune. L’esclusione vale anche nel caso in cui la caldaia sia sostituita con una pompa di calore inferiore o uguale a 15 kW.

Dichiarazione ai sensi del D. Lgs 152/2006.
La dichiarazione del rispetto delle caratteristiche tecniche e dei limiti indicati agli articoli 285 e 286 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i. può essere redatta sulla base dell’Allegato 9 del presente Decreto n. 11785 del 23/12/2015.

Inoltre, il decreto segnala che:

  • gli allegati al nuovo decreto, contrassegnati con numeri 1, 2, 3, 5, 6 e 7, non presentano variazioni rispetto ai moduli approvati con decreto dirigenziale n. 5027 dell’11.6.2014, fatto salvo l’aggiornamento dei riferimenti normativi, con la conseguenza che i moduli cartacei già in uso possono essere ancora utilizzati fino ad esaurimento delle scorte;
  • è stato eliminato l’allegato 4 del decreto n. 5027/2014 poiché i dati e le informazioni relative ai sistemi di termoregolazione e contabilizzazione devono essere inseriti direttamente nel libretto d’impianto (schede 5 e 6).

Ricordiamo che, in Regione Lombardia, sono in vigore dal 1 gennaio 2016:

  • i requisiti di prestazione energetica per “Edifici ad energia quasi zero” definiti dal “Decreto Edifici” 26 giugno 2015 ai sensi del Decreto Regione Lombardia n. 6480 Del 30/07/2015, sia per le pubbliche amministrazioni e per le proprietà di quest’ultime, sia per tutti gli altri edifici
  • la copertura del 50% del fabbisogno di energia primaria per l’acqua calda sanitaria, la climatizzazione invernale e la climatizzazione estiva tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili, ai sensi dell’Allegato 3 del D.Lgs 28/2001.
Regione Lombardia – nuovo decreto 11785 del 23/12/2015 ultima modifica: 2016-01-11T15:59:28+00:00 da Marco